Spesso

Spesso il cervello viene sbucciato come un frutto con più strati di pelle

impara a essere sprecato in tempistiche senza tempo, spesso senza un tema specifico.

Come scintille di un momento, l’una supererà l’altra

i pensieri all’interno del cervello, senza riposo.

Non voglio dire che siamo quel tipo di ballerini che sono di fatto condannati,

ma hai bisogno di uno stomaco forte, in modo che l’atto sia in contrasto con l’intelletto.

Sembra impossibile, irreale e strano.

 

Spesso il cervello miagola come un gatto, vuole mangiare e lasciare quella scatola,

e farà la sua apparizione ovunque, per catturare qualcosa da tutto

salterà da un tetto all’altro, incorniciando le sue impronte lassù

Cervello! cervello! Perché non sei mai pieno

e desideri sempre espandere ulteriormente le tue pareti.

 

La tua unica cura è il luogo in cui sei nato, i luoghi che ti hanno dato alla luce,

i luoghi che hanno visto la tua corteccia esterna.

Inizia a correre verso quei luoghi, quando dimenticare ti trova

e la familiare montagna che solevi scalare: all’epoca era una montagna a forma di noce,

con esso puoi incontrare,

pesare più vicino e sentire il calore.

Brezza dolce e leggera che ti porta tutti gli odori,

ti entra e semina nuovi frutti e radici.

La catarsi attenderà come una dama sulla collina

e poiché l’anima laggiù è dotata delle più belle carezze della natura,

la mente verrà ingannata per un po ‘e lasciata andare, urlando con la sua voce:

“Al diavolo con te!”.

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s